Deprecated: mysql_connect(): The mysql extension is deprecated and will be removed in the future: use mysqli or PDO instead in D:\inetpub\webs\produzionidamyznet\libs\dbconnect.php on line 15
Facebook introduce gli HASHTAG. Cosa sono e a cosa servono
Utilizzando il presente sito acconsenti all'uso dei cookie e tecnologie simili, come descritto nella pagina relativa ai Cookies e per l'utilizzo dei dati che abbiamo raccolto e raccoglieremo durante la tua navigazione, come ulteriormente descritto nella pagina dedicata all'informativa sulla Privacy.
Accetta e chiudi

Sito in aggiornamento!

Produzioni Damy Z.net è in fase di restyling!
Stiamo elaborando una nuova versione del sito che sarà più accattivante, innovativa e versatile!
Per ogni notizia e aggiornamento veloce seguiteci sulla pagina ufficiale di Facebook... grazie! ;-)
animazioni flash
assistenza
grafica
montaggi video
siti web
altre opere
Recensioni
Informatica (varie)
HTML e CSS
PHP e MySQL
Javascript
PhotoShop
After Effects
Flash
Premiere
Facebook
home
chi sono
biografia
contatti
curriculum vitae
privacy
politica cookie
consulente legale
Visite totali:

Facebook introduce gli HASHTAG. Cosa sono e a cosa servono



AGGIORNATO AL 16º GIUGNO 2013

Chi è registrato su Twitter conosce già, o per lo meno dovrebbe, gli hashtag. C'è chi li odia e chi li ama, chi ne fa un uso limitato e parsimonioso e chi invece ne fa un uso sconsiderato.

Ma cosa sono gli hashtag? A cosa servono? Gli hashtag sono una sorta di "etichette" contrassegnate del simbolo # (cancelletto). Non a caso, la parola hashtag è composta dalle parole inglesi "hash" (=cancelletto) e "tag" (=etichetta). Gli hashtag sono quindi inseribili a scelta da chi pubblica uno stato nel proprio profilo di Twitter (e dal 13 Giugno 2013 anche su Facebook) inserendo prima di una parola che considera "chiave" il simbolo #.

Ecco qualche post d'esempio, presi qua e là tra i due Social Network:




In questi casi l'hashtag è composto da una sola parola. (Purtroppo) questa cosa è rara, in quanto è uso comune accorpare più parole insieme per creare l'etichetta. Questo perché gli hashtag iniziano con il cancelletto e terminano con il primo carattere di punteggiatura (spazio compreso) successivo al cancelletto, quindi per inserire ad esempio l'etichetta "Sei la nostra vittoria Amoroso" si devono eliminare gli spazi, diventando #seitulanostravittoriaamoroso (alquanto faticoso da leggere) oppure, per maggiore leggibilità, #SeiTuLaNostraVittoriaAmoroso (mettendo ogni iniziale maiuscola come se fosse un acrostico):




Ma, a conti fatti, a cosa servono davvero questi benedetti hashtag??? Semplicemente a rendere pubblico il proprio commento in tutto il mondo (relativo sempre al Social Network in cui ci si trova), in maniera tale che chi cerca tutti i post relativi a quell'argomento (etichetta, hashtag) possa leggerci. Basta infatti cliccare su qualsiasi hashtag per leggere la lista delle persone che, in tutto il social network, hanno usato lo stesso tag e ne hanno parlato.
Quando, ad esempio, ho inserito il mio post "Facebook ha introdotto l'#hashtag." la parola "hashtag" è diventata cliccabile, e questo è il risultato cliccandoci sopra:




Le persone che vedete nella lista dell'immagine precedente NON sono miei amici ma, avendo inserito il mio stesso hashtag, hanno reso pubblico il proprio commento a chiunque abbia parlato dello stesso argomento.
La lista dei post che parlano di quell'argomento è reperibile anche alla pagina:

https://www.facebook.com/hashtag/<argomento>

dove al posto di <argomento> va messa la parola (o lista di parole) che compongono l'hashtag di cui vogliamo leggere a riguardo.

CONCLUSIONI. Facebook cresce sempre di più, e con questo ha copiato forse l'unica cosa interessante di Twitter, ossia gli hashtag. La cosa, personalmente, non mi entusiasma molto, in quanto molte persone (troppe) lo usano in maniera sconsiderata, riempiendo i propri post di troppi e inutili hashtag rendendo il proprio commento sempre più illegibile e sgradevole alla vista (vedi la prossima immagine), peggio ancora se non aiutano il lettore mettendo le iniziali delle parole che compogono il tag in maiuscolo. Mi auguro solo che almeno su Facebook non mi trovi la Home invasa da cancelletti.

E voi? Cosa ne pensate? A voi i commenti qui sotto! :-)